“Davvero il Signore è risorto!” (Lc 24,34). È questo il grido di gioia dei primi discepoli di Gesù e dei cristiani di tutti i tempi. Per la potenza del mistero pasquale, la gloria di Dio si è irradiata nel mondo ed è divenuta forza di vita e di redenzione. In questa luce pacificante ritrova il suo vero significato anche l’esperienza del morire umano. Per chi guarda al Cristo glorificato, la morte non è la fine di tutto ma il passaggio all’incontro con Lui e quindi alla pienezza della vita. “Ai tuoi fedeli – recita la preghiera liturgica – la vita non è tolta, ma trasformata”.

Come fare

E’ gradito il contatto dei familiari con uno dei sacerdoti (non solo tramite agenzia funebre).
Non ci sono tariffe per le celebrazioni. Chi lo desidera, può lasciare un’offerta libera alla Parrocchia, in segno di gratitudine.

Vi invitamo a leggere la lettera indirizzata alla vostra famiglia preparata dalla parrocchia cliccando sul link sottostante.

Lettera ai parenti dei defunti